“Lift not the painted veil which those who live call Life”

“Il velo Dipinto”  “The painted veil

1925 – the novel tells the story of a woman’s journey, from shallow social privilege to spiritual awakening and maturity. From South Kensington in London, through Hong Kong and the cholera ridden remote depths of mainland China Kitty Fane discovers a world beyond her own.

Kitty Garstin (Naomi Watts) at the flower shop

At the start of the novel, Kitty leads a vacuous and superficial life – her destiny defined by her social status and gender.

Mrs Garstin party

Her mother, convinced that her eldest daughter has “missed her market”, urges Kitty to settle for the rather “odd” Walter Fane, a bacteriologist and M.D., who is madly in love with Kitty.

at the ball: Kitty meets Walter

Kitty’s domineering mother attempts to arrange a “brilliant match” for her

In a panic that her much younger – and less attractive – sister, Doris, will upstage her by marrying first, Kitty consents to Walter’s ardent marriage proposition with the words, “I suppose so.” Shortly before Doris’ much grander wedding, Kitty and Walter depart as newlyweds to his post in Hong Kong.

Mrs Kitty Fane (Naomi Watts)

The first night: Walter Fane

Just weeks after settling in the far East, Kitty meets Charles Townsend, the Assistant Colonial Secretary. He is extremely charming, and they begin to have an affair.

At a party with her husband, Kitty meets Charles Townsend

The opening chapter is one of great tension before Maugham flashes back and forth between past and present, explaining how Kitty comes to be caught in flagrante delicto in the opening pages.

Charles Townsend

To be continued……..

Annunci

Memorabile Gatsby, storia della fine di un amore sublime

“There is no fire or frost that challenges what a man is able to accumulate in his own heart”

The Great Gatsby, Francis Scott Fitzgerald, 1925

"Non vi capita mai di aspettare il giorno più lungo dell'anno per poi non accorgervene? Io aspetto sempre il giorno più lungo e poi quando arriva non me ne accorgo"

“Non vi capita mai di aspettare il giorno più lungo dell’anno per poi non accorgervene? Io aspetto sempre il giorno più lungo e poi quando arriva nonme ne accorgo” Daisy

“Perfino in quel pomeriggio dovevano esserci stati momenti in cui Daisy non era riuscita a stare all’altezza del sogno, non per sua colpa, ma a causa della vitalità colossale dell’illusione di lui che andava al di là di Daisy, di qualunque cosa. Gatsby vi si era gettato con passione creatrice, continuando ad accrescerla, ornandola di ogni piuma vivace che il vento gli sospingesse a portata di mano. Non c’è fuoco né gelo tale da sfidare ciò che un uomo può accumulare nel proprio cuore.”

The Great Gatsby, Francis Scott Fitzgerald, 1925

Gatsby and Daisy

Robert Redford

“Era visibilmente passato attraverso due stadi e stava entrando in un terzo. Dopo l’imbarazzo e la gioia che non ragiona, era divorato dallo stupore per la presenza di lei. Era stato così a lungo pieno di quest’idea, l’aveva sognata in tutto il suo svolgimento e aspettata a denti stretti, per così dire, arrivando a un livello inconcepibile di intensità. Ora, per reazione, si stava scaricando come un orologio dalla molla troppo tesa.”

The Great Gatsby, Francis Scott Fitzgerald, 1925

“La verità è che Jay Gatsby di West Egg, Long Island, era scaturito da una concezione platonica di se stesso.” [cit.]

“Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato.”

The Great Gatsby, Francis Scott Fitzgerald, 1925

“Nessuna confusione è pari a quella di una persona semplice.” [cit. The great Gatsby]